Focaccia Express (con purè in busta…)

Ultima focaccina della serie (per ora), per poi cambiare argomento e scrivere qualche altra ricetta. Devo dire che ultimamente sono proprio fissata con gli impasti, mi sono messa anche d’accordo con il mio pizzaiolo di fiducia per provare il suo forno con il mio impasto con il lievito madre (è curioso anche lui visto che utilizza solo quello in panetti fresco)… Bene, dicevamo, oggi classica ricetta della focaccia patate, rosmarino e sale grosso. L’idea è quella di inserire nell’impasto il preparato per purè in buste in modo da ottenere la morbidezza e il gusto della patata senza dover far bollire e schiacciare quelle vere. Attenzione alla scelta della busta di purè: io scelgo sempre quello che negli ingredienti contiene solo patate disidratate e sale, senza conservanti e altra losca robetta chimica.

Ingredienti:

1 busta di purè istantaneo
300g di farina 00
150ml di acqua
1 cucchiaio di olio
1 cucchiaino di zucchero
150g di lievito madre o 1 bustina di lievito secco
2 cucchiaini di sale + sale grosso in grani per la copertura
Rosmarino a volontà

Preparazione:

Mescolate in una ciotola tutti gli ingredienti tranne sale grosso e rosmarino, fino ad ottenere un impasto sodo ed elastico (regolate di conseguenza anche l’acqua… il purè ne assorbe moltissima!!). Disponete l’impasto sulla placca da forno ricoperta di carta forno allargandolo con le mani in modo da creare con i polpastrelli i classici buchini della focaccia, cospargete con aghi di rosmarino, il sale grosso che avete tenuto da parte e un filo d’olio (o a piacere una salamoia, poi vi spiego come prepararla). Infornate a 180° per circa 20 minuti e il sostituto sfizioso del pane è pronto…

Varianti:

Al posto dell’olio potete coprire la focaccia con la salmoia. Si prepara così: in un bicchiere mescolate energicamente 1 dito di acqua, 1 dito di olio e 1 cucchiaino di sale fino fino a creare un’emulsione in cui non si distingano più le bollicine e il sale si è completamente sciolto. Quindi versate sopra la focaccia e procedete normalmente con la cottura.
Per renderla ancora più particolare provate ad aggiungere nell’impasto un paio di cucchiai di parmigiano grattugiato o ad utilizzare -senza esagerare- (invece del solito olio extra vergine di oliva) sopra la focaccia l’olio in cui vengono conservati i pomodorini secchi: nel barattolo a me ne rimane sempre un sacco e non mi va mai di buttarlo, in questo modo lo riciclate e date anche più colore alla vostra focaccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *