Stufato Irlandese alla Guinness

In onore di S.Patrizio, che si festeggia il 17 marzo, una ricetta a tema non poteva mancare. Soprattutto se si tratta di uno spezzatino goloso e sfumato con birra scura, coccola per il pancino in queste serate ancora fredde. Online si trovano varie rivisitazioni del piatto (in fondo all’articolo trovate qualche esempio), vi lascio la mia versione, semplicissima e con davvero pochi ingredienti, perché alcune volte il “less is more” paga. L’odore di questo spezzatino sui fornelli vi terrà compagnia per qualche ora, giusto il tempo di godersi un film a tema (avete già visto “The Departed”?). Anche se non siete fan della birra fidatevi: tutto l’alcool evapora e la Guinness rilascia veramente un gusto particolare ed aromatico allo spezzatino, che non resta per niente amaro.

Ingredienti:

  • 2 cucchiai di olio evo
  • 500g di spezzatino di manzo
  • 2 cucchiaini di farina 
  • 3 carote
  • 2 cipolle
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaino di rosmarino (o spezie miste per arrosto/patate)
  • 1 cucchiaio di salsa Worchestershire  
  • 200ml di birra Guinness  
  • 750ml di brodo di carne (oppure 750ml di acqua + 1 dado di carne)

Preparazione:

Scaldate l’olio in una pentola, infarinate i bocconcini di spezzatino e rosolateli qualche minuto. Quando iniziano ad attaccarsi al fondo, toglieteli e, al loro posto, fate stufare carote, cipolle, rosmarino e aglio, puliti e tagliati a pezzetti. Non appena la cipolla sarà imbiondita, aggiungete nuovamente la carne, sfumando prima con la salsa worchestershire poi, quando sarà evaporata, aggiungete la birra, alzando la fiamma per far evaporare la parte alcoolica. Aggiungete metà del brodo, abbassate la fiamma, coprite con il coperchio e fate cuocere per almeno 3 ore, continuando a mescolare ed a aggiungere il brodo man mano che lo stufato si asciuga. Per un tocco colorato servite con qualche fogliolina di prezzemolo tritato.

Varianti:

  • La versione originale prevede la carne di agnello o montone, ma in molti posti si trova anche questa variante con il manzo.
  • In alcune ricette trovate l’aggiunta di patate a pezzettoni, da aggiungere mentre lo spezzatino è in cottura in modo non si sfaldino troppo visti i tempi lunghi.Io ho preferito prepararlo senza patate, ma servirlo su un letto di purè cremoso per assorbire tutto il sughetto slurposo.
  • Altri ancora propongono di partire da un soffritto di bacon: vi dico la verità, non credo ci stia per niente male, ma pare tenda a stravolgere un po’ il gusto e perciò ho provato a realizzare questa prima versione in purezza (ma visto il successo non è detto che non vada a replicare presto…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *