Ananas, dal ciuffo a una nuova pianta

Avevo letto un bel po’ di tempo fa un articolo che spiegava come coltivare una nuova pianta di ananas dal ciuffo del frutto stesso. Incuriosita ma poco speranzosa viste le temperature non proprio tropicali della mia zona, ho iniziato a seguire gli step, all’incirca un annetto fa. Questo è l’aggiornamento sullo stato della mia piantina, decisamente “allargata” e in forma. Vi lascio quindi la procedura da seguire per replicare l’esperimento anche voi in casa. Chissà che fra qualche anno davvero non riesca a produrre qualcosa, sono davvero curiosa, e voi? Sfruttate gli ultimi giorni di estate per questo test, ovviamente la coltivazione andrà trasferita indoor per la stagione fredda…

Necessario:
1 ananas
1 coltello
1 vasetto
1 bicchiere di acqua

Procedimento:
Tagliate il ciuffo dall’ananas, rimuovete la parte di polpa rimasta alla base (per evitare che marcisca a contatto con l’acqua per la germinazione) e le foglie più esterne. Vedrete che pian piano durante questo sfoltimento inizieranno a comparire sul bordo dei puntini più scuri, da lì partiranno le radici della nuova piantina. Mettete il ciuffo in un barattolo o vasetto, con la base immersa nell’acqua (vedi foto a lato). Lasciate che l’ananas faccia le prime radici, ci vorranno almeno 2 o 3 settimane, abbiate cura di rabboccare continuamente l’acqua in modo sfiori sempre la base della pianta. Quando le radici avranno raggiunto una bella lunghezza (almeno una decina di cm), sarà il momento di travasare l’ananas. Mettete sul fondo di un vaso dell’argilla espansa o dei  sassi per evitare il ristagno di acqua, quindi del terriccio (io ho usato quello universale senza troppi problemi) ed adagiate delicatamente la pianta, in modo da non rompere le radici.  Aggiungete altro terriccio fino a coprire interamente le radici e compattate la terra intorno alla base della pianta. Annaffiate regolarmente ed in abbondanza (tutti i giorni con il caldo, ogni 3-4 giorni nei mesi invernali) . Predilige ovviamente una location assolata, e va riparata indoor nei periodi più freddi. Man mano che la pianta cresce, andrà rinvasata, potete anche valutare di piantarla in giardino quando si sarà allargata a sufficienza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *