Croccante al pistacchio

Continua la rubrica del “come riciclare gli avanzi delle vacanze natalizie”, a questo proposito ho appositamente modificato la grafica del sito con la sezione “Recycling Holiday Leftovers” in rilievo. A casa mia ci sono sempre degli avanzi  che si trascinano per mesi, anche perché in occasione delle feste i supermercati applicano sempre degli sconti interessanti su vasetti di conserve, salse, frutta secca, dolci natalizi & co. Spero che qualche idea in più vi faccia comodo: in cucina non si butta via niente, mi raccomando! Oggi un classico revival: il croccante ai pistacchi (beh, quelli sono avanzati a casa mia!). Avevo anche pensato di prepararlo come idea regalo per Natale: i pezzettoni nei barattoli trasparenti fanno davvero una bella figura e si conservano a lungo. In più ne esistono infinite varianti (io ad esempio adoro quello al sesamo). Ve la lascio come idea, quando lo preparerò davvero per regalarlo provvederò a fotografare l’idea per il packaging! In questo esperimento mia mamma ha insistito per provare la ricetta di sua nonna, ecco come…

Ingredienti:

100g di zucchero
1 cucchiaio di succo di limone
3 cucchiai di acqua
1 cucchiaio di olio di semi
2 manciate di pistacchi sgusciati

Preparazione:

Come vi dicevo prima, io avevo a disposizione dei pistacchi quindi ho usato quelli per il croccante: sbucciateli, togliete la pellicina (grossolanamente, se anche ne rimane un po’ non muore nessuno) e tritateli (come vengono al primo colpo vanno bene). Nel frattempo mettete a scaldare in un pentolino lo zucchero con acqua e limone a fuoco bassissimo, ci vorrà un po’ di tempo perché lo zucchero inizi a caramellare. Quando vedete che inizia a cambiare colore e diventare marroncino è il momento di aggiungere la frutta secca, in modo che si incorpori per bene. Tenete sul fuoco per qualche minuto ancora stando attenti che il caramello non scurisca troppo quindi trasferite su un foglio di carta forno che avrete precedentemente unto con l’olio di semi (per non farlo attaccare). Lasciate raffreddare a debita distanza, perché la tentazione di assaggiare è tanta ma il caramello ustiona e non perdona… e ricordatevi di mettere subito in ammollo pentola e cucchiaio altrimenti poi lavare via il caramello indurito diventa più difficile. Prima che il croccante si è indurito del tutto tagliatelo a tocchetti: mentre è ancora “gommoso” non fa danni, se lo lasciate indurire troppo finisce che quando lo taglierete salteranno via schegge assassine vaganti per tutta la cucina…

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *