Pane Senza Impasto con Lievito Madre

La ricetta di questo pane senza impasto gira in rete da un bel po’ e di conseguenza anche nella mia cooking list (i lievitati – tranne i maledetti croissant – restano sempre la mia passione). Di per se il procedimento è davvero semplice, bisogna solo avere un po’ di pazienza perché i tempi di lievitazione sono lunghi e la curiosità sul risultato vi perseguiterà per un giorno intero. Questa soluzione è comoda se vi ritrovate a dover rinfrescare la pasta madre più spesso di quanto non ne abbiate bisogno, il risultato è un pagnotta con la crosta croccante ma la mollica sofficissima ed alveolata, che vi inonderà casa con un profumino di pane appena sfornato e che resterà morbida a lungo (se non verrà saccheggiata prima al grido di “con la Nutella è buonissima”). Gli ingredienti sono per un pane da circa 400-500g, ideale per 2 persone, ma sentitevi liberi di scalare le dosi a piacere. E’ “senza impasto” nel senso che basta mescolare tutti gli ingredienti in una ciotola, aspettare che l’autolisi faccia il resto e quindi trasferire la massa lievitata su una spianatoia molto ben infarinata, dare forma al pane ed infornare

Ingredienti:
100g di lievito madre rinfrescato il giorno precedente
150ml di acqua tiepida
200g di farina (vista la lievitazione lunga andrebbe usata la tipo 0 – o manitoba, ma io ho provato con la 00 e viene comunque ottimo)
1 cucchiaio di olio evo
1/2 cucchiaino di sale
Almeno un paio di cucchiai di farina per la spianatoia

Preparazione:
Sciogliete il lievito nell’acqua quindi aggiungete la farina e l’olio, mescolando velocemente con un cucchiaio. Per ultimo aggiungete il sale e date un’altra girata, assicuratevi solamente che sia tutto incorporato. Non importa se ci sono grumi e se vi sembra un blob che non diventerà mai niente di mangiabile. Per comodità, vi consiglio di preparare l’impasto direttamente in un contenitore con coperchio. A questo punto chiudete il coperchio e lasciate lievitare da un minimo di 12 ore fino a un giorno intero. In queste giornate freddissime potete lasciare il contenitore a temperatura ambiente, durante la stagione estiva invece vi consiglio di metterlo in frigorifero. Il giorno successivo troverete una pastella piuttosto liquida, piena di super bolle. Spolverizzate con abbondante farina la spianatoia, creando uno strato sottile ma uniforme, sappiate che se ci saranno buchi sarà proprio là che andrà ad incollarsi tutto il vostro lievitato. Colate il blob sopra la farina, spolverizzate anche sopra con altra farina quindi date forma al pane, prendendo dei lembi di impasto e tirandoli verso il centro, fino a quando non riuscite a modellare la forma di una pagnotta. Adagiatela al centro di una teglia rotonda (io ho usato quella per torte d. circa 20cm) rivestita di carta forno e lasciatela riposare almeno altri 30 minuti – anche un’ora se avete tempo – in un posto tiepido. Aggiungete un pizzico di farina in superficie per un effetto ancora più rustico e, se volete, praticate delle incisioni con una lama o con la punta di un coltello. Preriscaldate il forno a 200°C, statico, con all’interno una tazza piena di acqua. Quando è caldo infilate il pane, senza toglierlo dalla teglia, coperto con un foglio di alluminio. Dopo 10 minuti di cottura togliete l’alluminio e proseguite per altri 20 minuti. A questo punto sfilate il pane dalla teglia e cuocetelo direttamente sulla griglia del forno per gli ultimi 10 minuti, poi sfornate.

Lasciate raffreddare completamente prima di affettarlo (se resistete…).

  • Ho trovato anche ricette che utilizzano 1/2 parte di acqua e 1/2 parte di birra, magari il prossimo panozzo ci provo, nel caso abbiate già testato questa variante fatemelo sapere nei commenti!
  • A breve la ricetta con le dosi per il lievito di birra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *