Tartiflette – Pasticcio di Patate dell’Alta Savoia

Non scio da anni ormai (e devo dirvi sinceramente che la cosa non mi manca affatto), ma guardo sempre con occhi a cuoricino i menù delle baite di montagna. Specialmente in inverno. Soprattutto quando tocca stare a casa in zona arancione. Soprattutto con degli ingredienti del genere: patate, cipolle, panna, speck (o pancetta) e formaggio.

In Alta Savoia non ci vanno certo leggeri con la tartiflette: un pasticcio ripassato al forno, con patate cremose e golosissime. Praticamente un piatto unico. Lo prepariamo insieme cuocendo le patate già affettate al microonde per fare più in fretta. Mentre gratina vi lascio alcune fotografie di repertorio anche se estive – per la precisione si trattava di Luglio 2016 – fra Annecy e Ginevra, Fun&Food loves Haute-Savoie. Per entrare nel mood speranzosi di tornare a viaggiare presto.

PS. Questo piatto si trova comunemente anche ad Aosta (altro posto bellissimo da rivedere ASAP).

Ingredienti:

  • 4 patate
  • 1 cipolla
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • 4 cucchiai di panna fresca
  • 250g di formaggio tipo Reblochon (ma se non lo trovate potete utilizzare un altro formaggio molle a crosta fiorita)
  • 4 fette di speck o bacon
  • Sale e pepe

Preparazione:

Sbucciate, lavate e tagliate a fette sottili le patate. Mettetele in un piatto, coprite e cuocetele al microonde a 800W per 6 minuti. In alternativa cuocetele al vapore sempre per 6/7 minuti o sbollentatele in acqua calda, non salata, per 4/5 minuti.

Affettate la cipolla e fatela appassire in padella con l’olio (ci vorrà lo stesso tempo di cottura delle patate).

Mescolate patate, cipolla, panna e regolate di sale e pepe. Trasferite metà del composto in una teglia, aggiungete metà del formaggio a fettine, coprite con le restanti patate, il formaggio avanzato e lo speck tagliato a listarelle. Potete scegliere se tenere o no la crosta del formaggio a seconda dei vostri gusti.

Fate gratinare in forno caldo, 200°C ventilato, per 15/20 minuti. Servite ancora fumante.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *