Confettura di Kiwi & Vaniglia

Come promesso, oggi ci portiamo avanti con un’altra conserva per le colazioni autunnali (lo so che è ancora estate eh, ma dove sono io il termometro la mattina segna 11°C e le foglie iniziano a scricchiolare sotto i piedi).

Prepariamo quindi insieme la confettura (solo per gli agrumi infatti si parla di marmellata e non è questo il caso) kiwi & vaniglia, con un po’ di mela che con la sua pectina aiuta ad addensarla in modo naturale.

Prima di fare incetta di confetture di montagna (ché non torno mai dal Trentino senza), vi lascio la ricetta per questa un po’ alternativa, dal gusto fresco e dal colore brillante, perfetta anche da regalare.

Ingredienti:

  • 400g di kiwi, pelati e privati della parte interna bianca e dura (circa 6 o 7 kiwi medi)
  • 150g di zucchero
  • 1 bacca di vaniglia
  • 1 mela (circa 150g)

Preparazione:

Pelate e tagliate a cubetti piccoli i kiwi, incidete la bacca di vaniglia e con il dorso del coltello prelevate i semi. Detorsolate e sbucciate (non è obbligatorio) la mela, poi frullatela oppure tagliate anche lei in pezzetti piccolissimi.

Mescolate tutti gli ingredienti (compreso il baccello vuoto di vaniglia che poi scarterete) in un tegame, poi mettete sul fuoco e portate ad ebollizione. Fate sobbollire a fiamma bassa mescolando spesso per almeno 30/40 minuti finché la confettura non comincia a “tirare”.

Fate la prova del piattino: lasciate cadere qualche goccia sul piatto inclinato, se scivola via troppo velocemente prolungate la cottura, se invece risulta abbastanza lenta e viscosa potete iniziare ad imbarattolare.

Scegliete la consistenza che vi piace di più (io la adoro rustica: super densa e con qualche pezzettone), tenendo conto che raffreddandosi la confettura si addenserà ancora. Alcuni preferiscono rimuovere i semini del kiwi passando il tutto in un colino a maglie strette oppure frullare il tutto per un risultato più vellutato ed omogeneo, a voi la scelta.

Su come sterilizzare ed imbarattolare in modo sicuro arriverà un articolo a breve, promesso!

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *