Galette Bretonne – Crepes di Grano Saraceno al Prosciutto & Formaggio

A grande richiesta, questo venerdì vi propongo una ricetta gluten free favolosa (e vi assicuro che in questi giorni sistemerò anche l’apposita sezione del blog per permettere una ricerca più snella anche in caso di intolleranze).

La galette bretonne è una crepes fatta interamente con farina di grano saraceno, tipica della Bretagna – ormai sapete che qui su Fun&Food si passa in un attimo dalle ricette turche a quelle francesi in un batter d’occhio. Viene spesso farcita con uovo, formaggio e prosciutto, rendendola perfetta per il brunch del weekend, ma sentitevi liberi di inventare e sperimentare altre farciture (speck e cetriolini, verdure grigliate,…)

Ingredienti (per 4 galette):

  • 120g di farina di grano saraceno
  • 1 uovo
  • 100ml di latte
  • 120ml di acqua
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • Prosciutto cotto
  • Formaggio tipo groviera
  • Uova
  • Sale, pepe e prezzemolo
  • Burro per la padella

Preparazione:

Preparate la pastella per le crepes sbattendo con una frusta farina, uovo, latte, acqua e sale. Dovrà risultare piuttosto liquida e, riposando almeno 30 minuti a temperatura ambiente, tenderà ad addensarsi. Una volta trascorso il tempo di riposo risbattete con la frusta e scaldate a fiamma bassa una padella antiaderente o una crepiera diametro circa 30 cm.

Sciogliete un ricciolo di burro spennellandolo su tutta la superficie della padella e fate colare la pastella al centro, inclinando con il polso la pentola per distribuirla in uno strato sottile ed uniforme. Cuocete un paio di minuti, poi girate la crepe e terminate la cottura.

La ricetta originale prevede, a questo punto, di rompere l’uovo direttamente sulla galette, aggiungere sale, pepe, prosciutto e formaggio infine coprire con il coperchio e terminare la cottura finché il bianco dell’uovo non è completamente rappreso (lasciando il tuorlo cremoso). Potete farlo, e la galette bretonne sarà ugualmente buonissima, ma se vi interessa una presentazione chic vi consiglio di cuocere l’uovo separatamente all’occhio di bue e poi di assemblare il tutto all’ultimo minuto, aggiungendo del prezzemolo tritato a freddo.

Per la cottura tradizionale potete aiutarvi piegando i lembi della crepe verso l’interno e creare così una tasca che impedisca all’uovo di fuoriuscire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *