Tajine di Pollo

TajinePolloCena etnica, ogni tanto ci sta. Ci sono quelli fortunati che abitano in città e basta chiamare il take away e ci sono i valligiani come me che sono fuori dal raggio d’azione di ogni asporto (cioè, pure se vogliamo un kebab dobbiamo prendere la macchina e farci almeno 15 minuti di strada). Armatevi di spezie (abbondanti) e fate cuocere a parte del riso in bianco, l’accompagnamento perfetto! Il top sarebbe mangiarlo con le mani ma visto che noi ce lo siamo slurpati sul divano a entrambi per questa volta non è sembrata un’idea brillante. La prossima volta voglio preparare insieme anche l’ingera, una specie di crepe da usare per raccogliere il condimento. Ogni cosa a suo tempo, per ora beccatevi l’asporto etnico del venerdì fatto in casa.

Ingredienti:
300g di pollo
1 cucchiaio di farina 00
1 cucchiaino di paprika
1 cucchiaino di coriandolo
1 seme di cardamomo sbucciato e tritato
1 spicchio di aglio schiacciato o tritato finemente
1/2 cucchiaino di noce moscata
1/2 cucchiaino di peperoncino in polvere
2 foglie di lime (o anche 1, non pensavo rilasciassero tutto quel gusto) – ma se non le avete potete optare per una spruzzatina di limone o una grattatina di scorza
Probabilmente nel mix di spezie per un buon tajine ci andrebbe anche 1/2 cucchiaino di cannella ma a me non piace perciò l’ho astutamente depennata
Sale (io proprio non l’ho messo causa problemi pressorici in famiglia, le spezie comunque ne nascondono bene la carenza) e pepe

1 cucchiaio di olio di semi
1 cipolla
2 carote
1 peperone

1 bicchiere di passata di pomodoro
1 bicchiere di acqua

Preparazione:
Pulite il pollo e tagliatelo a cubetti di circa un paio di centimetri di lato. Mescolate tutte le spezie con la farina ed impanateci il pollo. Scaldate l’olio nel tajine e soffriggete le verdure dopo averle pulite e tagliate (più avete fretta più le dovrete tagliare piccole). Una volta ammorbidite aggiungete il pollo, mescolate per bene e lasciate rosolare qualche minuto, coprite con acqua e passata di pomodoro, date nuovamente una girata e dimenticatevi la “padella” sul fuoco per almeno mezz’ora/40 minuti. L’odore di spezie invaderà la cucina, degustate immergendovi nelle atmosfere africane per una cena diversa dal solito.

Qualche consiglio per l’utilizzo del tajine…

  • Prima di utilizzarlo per la prima volta mettetelo in ammollo circa due ore in acqua fredda, oliatelo tutto per bene e risciacquatelo, poi per le volte successive prima di ogni utilizzo mettetelo a bagno per almeno mezz’ora.
  • L’incavo sul coperchio va riempito e tenuto pieno con acqua fredda per assicurare la circolazione del vapore.
  • Se lo utilizzate sui fornelli abbiate cura di utilizzare un frangifiamma per distribuire il calore al meglio, oppure potete optare direttamente per la cottura in forno.
  • La fiamma o la temperatura del forno vanno tenute basse.
  • Per le prime volte che lo utilizzate tenete controllata l’acqua che aggiungete man mano (potete togliere il coperchio quando volete per mescolare e/o controllare), è vero che il tajine crea umidità dai cibi stessi, ma è anche vero che ogni tajine tiene più o meno l’umidità perciò è meglio regolarsi di volta in volta e prenderci l’occhio.

3 commenti

  1. Sembra un sacco buono! *.* (e l’assenza di cannella è un valore aggiunto per un piatto salato!)

    1. Non denigrare la divina cannella!
      Concordo che sembra un sacco buono, però :p
      E le spezie che invadono la cucina ieeeeeee 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *