Gnocchi all’Ortica

L’ortica, chi non la sa riconoscere? È probabilmente la prima pianta che si impara ad evitare da piccoli quando, con i polpacci scoperti dal primo caldo, ci si ruzzola sopra per poi grattarsi mezza giornata. Ci si accorge che si è invecchiati quando invece di guardarla come pianta del diavolo si inizia a pensare a come poterla usare in cucina.

In effetti ha un sacco di proprietà benefiche e viene usata in molte ricette diverse, dai decotti alle torte salate, passando per zuppe, frittate e risotti. E poi ancora: spatzle, pesto, canederli. Le stagioni di raccolta sono primavera e autunno e, dalle nostre parti almeno, se ne trova ancora molta (la pista ciclabile che ho dietro casa ne è letteralmente invasa). Approfittando di un’uscita a piedi post lockdown, mia mamma me ha raccolta mezza shopper piena (circa 200g) che poi, pulita e sramettata si è dimezzata, rivelandosi la dose perfetta per questa ricetta.

Ovviamente bisogna stare attenti durante la raccolta e la pulizia, utilizzando dei guanti spessi per non pungersi. Vanno raccolte le cime, privilegiando quelle senza troppe infiorescenze (ed insetti, aggiungerei). Una volta staccate le foglie, avendo cura di scegliere quelle più piccole, basterà metterle in ammollo in acqua tiepida per almeno 30 minuti per fargli perdere il potere urticante.

In alternativa, potete farla essiccare appendendola a testa in giù in un luogo asciutto e ventilato.

Ingredienti:

  • 100g di foglie di ortica
  • 450g di patate non farinose
  • 2 cucchiai di ricotta o 1/2 uovo
  • Farina QB (circa 5 cucchiai)
  • 1/2 cucchiaino di sale

Preparazione:

Sbollentate le foglie di ortica per 5 minuti, poi scolatele per bene e strizzatele. Nel frattempo cuocete le patate, io le faccio al microonde tagliandole già a cubetti di circa 2cm di lato dopo averle sbucciate, 850W per 9-10 minuti, ma potete anche sbollentarle finché non sono tenere. Quando sono pronte passatele con lo schiacciapatate insieme alle ortiche. Aggiungete ricotta, sale e trasferite su una spianatoia infarinata. Iniziate a lavorare l’impasto ed aggiungete la farina necessaria per ottenere un panetto morbido che non dovrà appiccicare sulle mani. Ricavate dei salsicciotti e tagliateli a tocchetti formando gli gnocchi. Sono delicatissimi, potete farli bollire in acqua salata finché non vengono a galla oppure saltarli direttamente in pentola con del burro ed infine servirli con tanto grana grattugiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *